Inquinamento e problema rifiuti: cosi uccidiamo la terra

A noi probabilmente non riguarderà in prima persona poiché i danni che stiamo causando oggi con la nostra negligenza scateneranno i loro effetti tra decine e decine di anni, ma sappiamo quanto male quotidianamente facciamo al pianeta Terra? Siamo consapevoli del fatto che centinaia di specie sono a rischio estinzione e i primi colpevoli siamo solo noi in qualità di ‘uomo’ che stiamo dimostrando solo grande ignoranza e menefreghismo?
La verità, ovviamente, fa male ma abbiamo provato mai a fare un piccolo esame di coscienza? Abbiamo mai provato a riflettere qualche secondo su quali danni possiamo creare quando la carta del nostro panino preso presso un fast food la lanciano dal finestrino o la gettiamo comunque per terra? E invece, circa le batterie che utilizziamo per alimentare i nostri telecomandi, come li cestiniamo? Sappiamo che sono altamente nocivi e pericolosi?

Rifiuti speciali e pericolosi

Tutti i rifiuti che produciamo ovviamente devono essere lavorati e smaltiti in base alla loro entità e alla loro natura. Se siete convinti che intercorrano grandissime differenze tra i cosiddetti rifiuti urbani e quelli speciali vi sbagliate di grosso: ad esser pericolosi non sono solo i secondi. L’aggettivo ‘speciali’, infatti, sta a identificare semplicemente quella tipologia di rifiuto che è figlio delle lavorazioni industriali e che quindi viene prodotto in quantità molto più elevata rispetto a quanto possa fare un singolo cittadino.

Questi rifiuti, però, non sono tutti pericolosi per l’ambiente. Alcuni di essi, ovviamente, lo sono e pertanto vanno smaltiti in modo determinato e particolare. Ma come anticipato questi ‘famigerati’ rifiuti pericolosi li produciamo anche noi in casa: precedentemente abbiamo annoverato il caso delle pile per l’alimentazione di telecomandi e apparecchi elettronici di vario genere. Pensate siano gli unici?
Se volete farvi una cultura a riguardo o se semplicemente volete informarvi su come poter aiutare la terra e l’ambiente vi rimandiamo alle attenzioni di Nieco che da anni ormai si occupa dello smaltimento di rifiuti speciali a Roma.

Quando l’uomo sa essere perfido

Potrà sembrare esagerata la definizione di ‘perfido’ per l’essere umano, ma in realtà è l’aggettivo più educato che possiamo trovare per etichettare l’uomo quando assume determinati comportamenti. Ma giriamo a voi la riflessione: come definireste un gruppo di uomini che, per solo e meri fini economici, decidono di nascondere sotto terra centinaia se non migliaia di barili radioattivi nel sottosuolo con annesse devastanti conseguenze? Che aggettivi trovereste per etichettare questa presunta classe di uomini che è riuscita a mietere vittime su vittime le quali si sono ammalate di tumore (ebbene si) soltanto bevendo l’acqua che sgorga dal proprio rubinetto? E come definireste quel gruppo di uomini che hanno ucciso centinaia di bambini che hanno contratto malattie quali la leucemia (o simil) per aver mangiato un pomodoro coltivato nel campo che dista 100 metri da casa propria?

 

Inquinamento e problema rifiuti: cosi uccidiamo la terra

Post navigation


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi